Quanto vale veramente una foto?

Diciamolo subito: la domanda, posta in questo modo, ha poco senso!

Infatti prima di aggiudicare un valore ad una fotografia, è il caso di porsi altre domande.

  • E' in formato digitale?

  • E' stampata?

  • Su che supporto è stampata?

  • In quale dimensione?

  • In quali condizioni è stata scattata?

  • Quanto tempo è stato impiegato?

  • E' replicabile?

  • Chi l'ha scattata?

  • Cosa rappresenta per te quella foto?

  • Che valore daresti tu alla foto?

  • ...

Riflettendo su queste domande puoi iniziare a determinare alcuni parametri per stabilire il valore "corretto" di una foto, anche se, spoiler alert, non esiste una soluzione scientifica.


Nelle prossime righe prenderemo in considerazione i fattori fondamentali per determinare il valore di una foto.

Non più "foto ricordo", ma foto che rispecchiano il valore dei tuoi ricordi

Fino a qualche anno fa le persone erano praticamente obbligate ad ingaggiare un fotografo per ottenere delle foto ricordo del matrimonio, battesimo e altri eventi importanti.

Oggi, dal momento che qualsiasi smartphone da 400 € può ottenere ottimi risultati sotto quel punto di vista con uno sforzo praticamente nullo, il concetto di servizio fotografico è totalmente cambiato.

Come fotografo il mio scopo non è più fare il servizio perché ho l'attrezzatura di costosa, ma consegnare al cliente foto di valore, realizzando immagini che non saprebbe fare anche a parità di attrezzatura.

Insomma, il fotografo DEVE essere Il Valore Aggiunto al servizio.

Se pensi di ingaggiare qualcuno solo per scattare le foto con la torta al battesimo di tua figlia, a mio modesto parere non ne vale la pena.

Sono eventi unici, e come tali meritano un trattamento speciale, con foto che sappiano emozionarti anche a distanza di anni...non solo per quello che ritraggono, ma per come lo fanno.

Servizi di lusso

Dando per assodato che chiunque ormai può scattare una fotografia almeno decente, chiamare un professionista non è più strettamente necessario e, in base alle richieste, il servizio può sfociare anche nel lusso.


Alcune persone mi chiedono consiglio e spendono parecchi soldi comprando una macchina fotografica, convinti che potranno ottenere un risultato eccellente...come se io potessi diventare uno chef solo comprando la batteria di pentole consigliatami da Cannavacciuolo.


Se avete l'impressione di aver fatto foto come il vostro fotografo, o siete incredibilmente bravi, oppure forse dovreste cercare un altro fotografo di riferimento!

Caro o costoso?

Esempio: Supponiamo di voler fare un ritratto e ricevete i preventivi da diversi studi.

1) Il primo ti propone un appuntamento in studio, ti fa accomodare sul set ti scatta qualche ritratto. Dopo 10 minuti ti manda 15 file via email.

Costo: 100 €.

2) Il secondo fotografo effettua un servizio come il precedente, con qualità generale simile.

Costo: 150 €.

3) Il terzo fotografo ti invita nello studio e ti fa una serie di domanda sul tipo di ritratto che vorresti realizzare, focalizzandosi sui dettagli personali. Mette a disposizione indumenti e accessori, studia una cromaticità coerente, ti offre la possibilità di avvalersi di truccatrice e parrucchiere, durante lo shooting ti mette a tuo agio, raccoglie diverse espressioni, ti guida nella scelta del supporto di stampa. Dopo una settimana consegna una stampa A3 di un ritratto pressoché perfetto in ogni dettaglio.

Costo: 250 €.

Cosa capiamo da questo esempio?

Possiamo ritenere il secondo fotografo più caro del primo, in quanto richiede un prezzo maggiore per il medesimo servizio.

E il terzo?

Se ci fermassimo ad un'analisi superficiale, potremo dire che il primo propone un costo di di 6,50 € per foto, contro i 250 € del terzo. Sembrerebbe un'assurdità!

In realtà i due servizi nel loro insieme non sono minimamente paragonabili. Semplicemente rispondono a esigenze totalmente differenti.

L'ultimo è un servizio che possiamo definire costoso (non caro), il cui prezzo è giustificato dall'incredibile valore aggiunto messo sul tavolo, a differenza del secondo.

Vivere da fotografo

Molti fanno l'errore di paragonare il prezzo finale proposto da un professionista con le richieste del conoscente/amico che ogni tanto fa il "servizietto per arrotondare".

In un altro articolo ho parlato di quanto in realtà un fotografo professionale sia addirittura conveniente. Puoi approfondire qui.

Infine, senza scendere nei dettagli, avere un'attività in regola comporta necessariamente determinate spese extra che il professionista deve inserire nel preventivo finale.

E' un concetto tanto semplice, ma mai abbastanza ribadito.

Affidarsi ad un professionista

Stando al significato letterale, un professionista è colui che si procura da vivere praticando una determinata professione.

In sostanza: se il sabato sera fai le pizze in casa, questo non fa di te un pizzaiolo!

Avere una macchina fotografica, pubblicare sui social le foto dei fiori con sfondo sfocato non sono requisiti sufficienti per considerarsi fotografo, ma al massimo appassionato di fotografia.

D'altro canto ho visto fotografi con P.IVA presentare dei lavori a dir poco discutibili.

Un vero professionista deve essere tale in ogni fase del servizio: a partire dal primo contatto, durante il preventivo, nell'esecuzione, nel supporto post vendita, nella selezione delle foto e nell'editing.

La conoscenza tecnica, il saper leggere la luce e soprattutto, almeno per quanto mi riguarda, la capacità di relazionarsi con le persone, sono aspetti imprescindibili.

Considerando tutto ciò, è normale pensare che un fotografo abile, con esperienza e che conosce correttamente la propria posizione nel mercato, debba essere equamente compensato.

Tu che valore daresti alle tue foto?

Le foto sono testimonianza di un'istante unico e irripetibile. Il loro valore intrinseco ed emotivo aumenta col passare del tempo.

Ovviamente non diamo lo stesso peso a tutte le nostre foto, ma quanto valore daresti a una foto a cui tieni particolarmente?

Probabilmente molto di più di quanto vale la carta su cui è stampata o il prezzo che l'hai pagata tempo fa.

Ecco perché non è importante riempire le gallerie di nostri smartphone di immagini tutte uguali e spesso insipide, ma piuttosto custodire e stampare le fotografie che per noi sono importanti e che ci emozioneranno sempre di più nel corso degli anni.